Ultime notizie

La rabbia di Impruneta: negozi allagati, LiberoCaos conta i libri bagnati (da buttare) e quel tombino…

Bagno a Ripoli e le sue frazioni ma non solo. 
La bomba d’acqua che è scesa dal cielo poche ora fa, nella serata di Ferragosto, inondando i nostri territori, ha purtroppo lasciato lungo la strada detriti, dubbi su tombini intasati, ingenti disagi. Anche a Impruneta capoluogo dove la conta dei danni materiali procura inevitabilmente strascichi morali e incazzature andanti. 

Ad avere la peggio sono stati i locali della parte bassa di Piazza Buondelmonti che si son visti riversare il fiume color marrone proveniente dall’alto in tutta la sua forza. Parliamo del Bar Italia, della libreria LiberoCaos e del Museo della Festa dell’Uva. Ma non solo: stessa sorte è capitata al Bar La Pergola, destinatario dello scroscio d’acqua proveniente dalla Barazzina. 

Le immagini che vedete ci arrivano dalla Libreria imprunetina gestita da Alessandra e Agnese, mamma e figlia, nostre libraie di fiducia, dove numerosi volumi sono stati sorpresi dall’acqua invadente. 

La bomba d’acqua ha infatti creato un vero e proprio lago nell’area esterna del Bar Italia e poi è scivolata verso l’ingresso di LiberoCaos dove il tombino antistante non ha svolto la propria funzione. Non ricevendo la pioggia, l’acqua non è defluita invadendo la bottega libraia e bagnando ciò che trovava lungo il suo corrosivo percorso. 

Sull’inefficienza del tombino in questione, come ci anticipano i negozianti, ci sarà da concentrarsi nei prossimi giorni e la sua mancata manutenzione potrebbe motivare una denuncia. Intanto, però, ogni volume inzuppato di acqua aumenta la rabbia nostra, degli amanti della lettura e, chiaramente, di Alessandra e Agnese, prime vittime di una criticità non calcolata ma, forse, evitabile. 

Le foto di libri imbarcati e rovinati, molti da buttare, ci fa venire un cuore piccolo così, anzitutto per lo sforzo e la passione che LiberoCaos mette giornalmente nel portare avanti l’idea e l’ideale di una bottega di prossimità che vede nella carta stampata, malgrado tutto, ancora un’opportunità (e un futuro).

Quindi forza Alessandra e Agnese – e chiaramente forza Bar Italia e Museo della Festa dell’Uva e chi il giorno dopo conta i propri danni -, c’è da rimettersi in piedi con l’aiuto e il sostegno di imprunetini, clienti, amici, affezionati lettori!

Intanto, la mattina inizia con difficoltà al paesello: ci giungono nuove immagini dal Bar La Pergola che ieri sera non ha potuto contenere la potenza dell’acqua e la sua portata eccezionale; anche qui, come ci racconta il titolare, il tombino antistante l’attività non ha retto l’urto e l’acqua è finita prepotentemente nel pergolato e poi dentro il locale. Stamani le operazioni di pulizia dal fango sono iniziate prestissimo mentre un cortocircuito che ha interessato Publiacqua in questo angolo di paese rende impossibile persino servire un caffè ai propri clienti. 

Ci saranno conseguenze? Sicuramente sarà effettuato un esposto ai Carabinieri per denunciare quanto accaduto ed in particolare la situazione delle fognature.

Matteo Merciai

Direttore della testata online Dai Colli Fiorentini, ha fondato questa piccola grande realtà il 9 aprile 2016, lanciandosi nel sogno di raccontare il proprio territorio trasportato dalla passione e da un occhio attento e critico. Ha avuto esperienze e collaborazioni durature con Striscia La Notizia, Corriere Fiorentino, Chiantisette, Sportitalia

Precedente

VIDEO / Grassina, Ponte a Niccheri e Antella sott’acqua: un disastro!

Successivo

Alluvione drammatica per il Grassina: 50mila euro di danni, distrutta la sede