Ultime notizie

Un pasticcio d’Eccellenza: rabbia Livorno, silenzio assordante del Figline

Non si arresta l’onda lunga di Tau-Figline, un match destinato a far parlare ancora a lungo.
Di aggiornamenti, nella giornata di oggi, se ne registrano pochi, e questa è già una notizia. La società più coinvolta nel pasticcio dopo la “gara farsa” di mercoledì non si è ancora espressa. E’ un silenzio assordante quello in casa dei gialloblù del Figline: nessuno ha ancora aperto bocca, se non il mister Becattini che nell’immediato finale del match ha solo parlato di “squadra che ha perso la testa” negli ultimi minuti, non negando comunque che i suoi abbiano fatto qualche calcolo in vista dell’ultima gara del triangolare, Livorno-Tau.
 
Ma l’impressione è che in casa gialloblù prima o poi si dovranno dare spiegazioni riguardo all’imbarazzante finale di match di mercoledì.
Anche perchè la situazione per il Figline comincia a complicarsi. La vera notizia di oggi infatti è che il Comitato Regionale Toscano ha preso posizione riguardo alla questione, comunicando che “alla Procura Federale, unico organo deputato a svolgere con carattere di terzietà gli accertamenti del caso, è stata inviata tutta la documentazione in possesso del CRT. Inoltre anche l’esposto congiunto presentato da US Livorno 1915 e dal Tau Calcio Altopascio è già stato immediatamente trasmesso alla Procura Federale.
L’auspicio è che tutti gli accertamenti possano concludersi in tempi brevi”.
 
Ecco. i tempi. Sarà difficile che si possa pervenire ad un verdetto concreto nel giro di poco. Sicuramente dovrà passare la domenica, quella in cui il match di cartello sarà Livorno-Tau, quando il campo sentenzierà chi si aggiudicherà il passaggio di categoria. I labronici possono solo vincere per garantirsi la D, anche se c’è chi, in città e sui social, quasi auspica di poter affrontare ancora il Figline in uno spareggio secco e “regolare i conti” battendo i gialloblù sul campo. Provocazioni e ironie a parte, è chiaro che per gli amaranto sarà fondamentale portare i tre punti a casa per festeggiare la Serie D all’Armando Picchi. Il Tau può farsi il regalone con due risultati su tre: pareggio o vittoria.
 
Domenica, intorno alle 19, il campo parlerà. Poi sarà il tempo del tribunale. E lì potrebbero essere dolori.
 

Lorenzo Topello

Precedente

Eventi Firenze, cosa fare nel weekend: aperture serali, fiori, chioschi e vintage

Successivo

Terremoto nel Chianti, INGV informa: stazioni sismiche temporanee installate da SISMIKO