Ultime notizie

Spazio Viola / Fotogallery Fiorentina vs Sampdoria: spunti, striscioni e un esordio assoluto

Fotogallery curata dal fotografo Fabio Vanzi

Chi di rimonta perisce, di rimonta ferisce. 
La Fiorentina, dopo il brutto pomeriggio – dentro e fuori dal campo – di Empoli, archivia il derby toscano e ribalta la Sampdoria dopo il vantaggio iniziale di Gabbiadini, al suo primo gol in stagione. 

Da 0-1 per i liguri a 3-1 per la compagine allenata da Italiano, al secondo “bottino pieno” casalingo dopo l’exploit sofferto contro il Milan. A segno Callejon, Vlahovic, Sottil, un tridente che ha dato le risposte sperate. Tanti e interessanti gli spunti, estratti direttamente dal terreno di gioco ma non solo. 

.1 Quelle che vi mostriamo in esclusiva sono le foto dal campo, in presa diretta, del fotografo Fabio Vanzi, che ringraziamo!

2. Finalmente Sottil: gol e assist per lui, quello scatto da centometrista nel secondo tempo che fa urlare al giocatore ritrovato e in forma. Dopo l’inizio appannato e gli episodi di nervosismo tra cui l’espulsione contro il Venezia, il classe 1999 ha sfornato una prova incisiva, anzi decisiva!

3 E Finalmente…Callejon. O, almeno, sprazzi del Callejon che fu: quello bello di Napoli, che tagliava sul lato debole dell’azione, dietro il difensore, concludendo al volo. Finora s’era visto il suo zio invecchiato (e male) di dieci anni in pochi mesi; poi, ieri, un “remake” che fa ben sperare i tifosi Viola. 

4 Vlahovic segna e non è una novità. Lo fa alla sua 100° volta in maglia viola, contribuendo alla vittoria, scalando la gerarchia dei “bomber” di serie A. Ora è primo a 12 gol in 15 presenze, al pari di Immobile. Che gli vuoi dire a uno così…

5. Bonaventura, ora ci siamo! Dopo l’assist a Ibra che stava per costare caro alla Viola, un assist al bacio all’attaccante giusto, il suo. 

6. Esordio per Di Stefano, che oggi sarà sicuramente tra le ricerche google più effettuate, sopratutto nella nostra provincia: chi è? Un attaccante-seconda punta classe 2003, cresciuto nel settore giovanile della Ninfea Torrelaghese, in Toscana, passato poi per Livorno prima di approdare in Viola. Originario di Camaiore. Ieri Italiano ha avuto anche tempo e modo di pensare alle “nuove leve”, come il giovane Filippo: 18 anni lo scorso 28 agosto e un’altra data da segnare sul diario dei ricordi, 30 novembre 2021.

7. Toh, c’è anche Kokorin. Ogni commento sarebbe superfluo. Ieri è sceso in campo…che, per fare il calciatore di lavoro, è una cosa che gli capita molto raramente. 

8. Lo striscione della Curva: “Prima razzisti, poi sessisti…ma mai giornalisti”, evidentemente riferito alla trattazione giornalistica dell’episodio delle molestie e Greta Beccaglia: un processo mediatico al tifo da stadio sulla base del reato di un singolo.

 

Matteo Merciai

Precedente

Bagno a Ripoli, ok al bilancio di previsione 2022: 5 milioni per la Redi, 2,8 per la Variante di Grassina

Successivo

Stile e qualità, la nuova etichetta de “La Corte dei Goliardi”: i fratelli Mangani…fanno il bis!