Ultime notizie

San Polo, Scuola d’infanzia: la lettera di denuncia dei cittadini viene ignorata

Di seguito pubblichiamo la lettera scritta da alcuni cittadini del Chianti fiorentino in merito alla preoccupazione per il taglio di una sezione della scuola d’infanzia a San Polo in Chianti.

La lettera, firmata dai genitori, è stata scritta il 19 Luglio ed inviata alla redazione di Dai Colli Fiorentini . La scelta di rivolgersi al giornale non è casuale: il comunicato, infatti, è stato destinato a vari enti i quali, dopo averlo ricevuto, non hanno provveduto ad alcuna risposta.

Il comunicato:

Al Direttore Miur Firenze, Dott. Curtolo
al Direttore Miur toscana, Dott. Pellecchia
al dirigente reggente IC Greve in Chianti, Dott. Di Fonzo
al presidente Associazione Montessori Chianti, Daniela Biazzo
al Sindaco di Greve in Chianti, Paolo Sottani

Chi scrive è un gruppo di genitori che, in questi giorni, ha appreso con profonda preoccupazione la notizia del taglio di una sezione alla scuola dell’infanzia a San Polo in Chianti, lasciandola con una sola sezione creando ancora più disagi essendo unica.

All’ ultimo open day della primaria e dell’infanzia la ex Dirigente Larini si era espressa, davanti a tutti noi genitori in presenza anche della Dr.ssa Giovanna Bittoni (Assistente tecnica per conto della Opera Nazionale Montessori) in maniera chiara e inequivocabile affermando che, durante l’anno che si appresta ad iniziare, avrebbe avviato l’iter per far diventare la scuola dell’infanzia una “casa dei bambini” Montessori accogliendo, di fatto, la richiesta ufficiale da parte dei genitori inviata al comprensivo durante l’anno scolastico appena trascorso (vedi allegato).

Ma solo in questi giorni ci siamo resi conto che il Progetto illustrato all’open day erano solo parole; perché la Dirigente, forse per mancanza di tempo, non ha potuto avviare le procedure per lasciare nulla di scritto. Ma le parole hanno un valore; perché noi genitori abbiamo iscritto i bambini alla scuola anche sulle promesse fatte.

All’Ufficio Scolastico, come si evince dall’ultima delibera del 29 giugno u.s., interessano solo i numeri di San Polo in quanto sulla carta ha meno iscritti di tutto il comprensivo di Greve e molti fuori Comune, pertanto non contano le promesse fatte ai genitori, non contano i sacrifici e l’impegno dell’Associazione. In definitiva, alcuni bambini saranno esclusi, alcuni genitori tra noi dovranno rinunciare al progetto a cui credono e per cui si apprestavano a fare anche grandi sacrifici.

Senza contare che il progetto Montessori è l’UNICO PROGETTO in vita del Comprensivo di Greve in Chianti (tra l’altro a costo ZERO per il comprensivo stesso poiché le spese sono rimaste a carico dell’Associazione Montessori Chianti e del Comune di Greve in Chianti che ci leggono per conoscenza), nonostante il bilancio sia risultato con un utile di oltre € 300.000,00 .

Sempre nella Delibera vengono indicati dei criteri errati; poiché non possono essere stabiliti dei criteri di esclusione per alunni fuori Comune indicandoli solo per i singoli plessi e non per l’intero comprensivo; quindi ad esempio anche a Strada in Chianti, Panzano, Greve in Chianti verranno esclusi i fuori Comune? Come faranno i genitori?

Di chi è la responsabilità del taglio della sezione? E qualcuno può darci una spiegazione ufficiale in modo che le famiglie possono decidere cosa fare? Dai giornali risulta come dichiarato dal Dr. Curtolo che la decisione è stata presa nel Consiglio d’Istituto, quest’ultimo però sostiene il contrario come da delibera…

Nessuno si è preso l’onere di avvisare al  19 luglio 2020 i genitori dei bambini esclusi, nonostante l’inizio imminente della scuola 15 settembre 2020 e pertanto le difficoltà che noi stessi avremo nel trovare un’altra scuola, visto anche la non obbligatorietà nel frequentare la stessa (come se in questo anno le difficoltà di noi genitori sono state poche grazie al COVID!)

Visto anche il periodo storico che stiamo vivendo a causa del Coronavirus… l’idea di formare delle classi pollaio con bambini molto piccoli che hanno bisogno anche di più attenzioni è veramente FOLLE!! Nonostante anche i grandi spazi che lo stesso plesso di San Polo dispone ed unica scuola dell’infanzia del Comprensivo che permette la nanna ai bambini.

Abbiamo il diritto di pensare che le parole spese nei confronti di noi genitori non siano deluse perché rappresentano un impegno da parte delle istituzioni nei confronti dei cittadini: i genitori hanno il diritto di credere che il progetto sia appoggiato anche dall’Ufficio Scolastico come ha già fatto con la primaria.

L’associazione Montessori Chianti, il Comune di Greve in Chianti, gli abitanti, le associazioni locali del territorio grevigiano, gli insegnanti della scuola dell’infanzia e della scuola primaria di San Polo hanno lavorato lungamente in questi anni per questo progetto e noi genitori ci crediamo fermamente.

Nonostante ad oggi non sappiamo di chi è la responsabilità del taglio della sezione a San Polo in cui doveva prendere vita il progetto Montessori per l’infanzia; sappiamo però che la decisione di reintegrare la sezione tolta è di Vostra competenza, siamo a chiderVi un ripensamento in merito.

RingraziandoVi per l’attenzione porgiamo distinti saluti.

Alcuni genitori dell’infanzia

Ad oggi, mercoledì 29 Luglio, i nuovi aggiornamenti corrispondono ad una delibera – rilasciata il 21 Luglio – dove vengono esclusi tutti gli anticipatari e i fuori Comune più lontani, come si evince anche dalla pubblicazione della graduatoria pubblicata sul sito del Comprensivo.

Ad ogni modo i genitori restano in attesa di un riscontro dalle autorità pubbliche competenti alle quali si sono rivolti, continuando a sperare in un risvolto positivo della vicenda

Precedente

Viabilità – variante Chiantigiana a Grassina: 16 le offerte che saranno valutate nei prossimi tre mesi

Successivo

Incendio in A1: in fiamme un furgone. Intervengono i Vigili del Fuoco