Ultime notizie

San Casciano, via alla rimozione di amianto dai tetti di immobili Erp

L’assessore alle Politiche per la Casa Elisabetta Masti: “l’investimento punta a migliorare la qualità della vita di chi abita negli immobili e la qualità ambientale degli edifici stessi”

Due appartamenti di edilizia residenziale pubblica di proprietà del Comune di San Casciano sono al centro di un’opera di rimozione dell’amianto dalle coperture degli stessi. A gestire l’intervento di manutenzione straordinaria degli edifici, posti nelle località Cerbaia e Calzaiolo, è Casa Spa che ha in gestione il patrimonio Erp del comune chiantigiano.

Riprendono i lavori di bonifica dei tetti in eternit dei condomini di via del Borromeo, in località Calzaiolo, e via Sacco e Vanzetti a Cerbaia. Un’importante opera di manutenzione straordinaria degli edifici di edilizia residenziale pubblica messa in atto con l’obiettivo di migliorare il patrimonio Erp in termini di qualità della vita e sostenibilità ambientale. L’intervento, realizzato da Casa Spa, permetterà di sostituire le coperture in eternit dei due immobili.

L’intervento è di rilievo sul piano della vivibilità a della tutela ambientale e rientra nel quadro degli obiettivi di sostenibilità contenuti nella Certificazione Iso 14001 e nella Registrazione Emas, che il Comune ha ottenuto nel 2009 e mantenuto negli anni.

“I lavori, iniziati a gennaio di quest’anno, hanno poi subito una battuta d’arresto per il lockdown legato all’emergenza sanitaria – spiega l’assessore alle Politiche per la Casa Elisabetta Mastil’intervento sarà concluso entro il mese di agosto. Si tratta di un investimento che si aggiunge agli interventi effettuati negli anni passati sugli alloggi Erp del territorio comunale di San Casciano, finalizzati alla rimozione dell’amianto dalle coperture che puntano a migliorare la qualità della vita di chi abita negli alloggi popolari e la qualità ambientale degli edifici, con bonifiche e incapsulamenti dei tetti in eternit”.

La cifra dell’opera, che comprende un terzo intervento per un edificio posto in un altro comune della Toscana, è pari a complessivi 134mila euro.

Precedente

Fase 3, Greve in Chianti pianta “l’albero della Rinascita” dopo l’emergenza sanitaria!

Successivo

Santo Spirito, la denuncia social di un cittadino: nuovo pisciatoio…a due passi dalla piazza