Ultime notizie

“CHE HAI FATTO IN TUTTI QUESTI ANNI”

La nostra vita ha bisogno di essere riempita da cose belle che toccano le corde dell’anima e che ci lasciano emozioni destinate a durare. Il cinema ha sicuramente questo potere. Chi lo ama sa trarre da certe pellicole molto di più di qualche ora di intrattenimento; ci sono bellissime storie di azione, di romanticismo, di rievocazione del passato, di fantasia. Poi ci sono film che sono qualcosa di superiore, straordinari viaggi di sentimento capaci di far sognare ogni volta che li si guarda, o semplicemente li si pensa.

Tra questi, in alto sopra a tutti c’è forse “C’era una volta in America”. Più di un semplice film, più di una semplice storia, il capolavoro di Sergio Leone è un’avventura unica che non è inquadrabile in nessun genere classico della cinematografia: è il grande romanzo di un artista, è un apparente gangster movie che racchiude in realtà una storia di amore, amicizia, tradimenti e passioni sullo sfondo dell’America mitica di inizio Novecento, quella vista dagli occhi sognanti d’oltreoceano più che quella reale.

Un film sulla vita e sul Tempo, sul suo inafferrabile mistero e sul suo incontrovertibile percorso; forse un sogno, partorito dalla mente di Noodles-De Niro annebbiata dall’oppio. Le oltre quattro ore di scene sono un voluto e costante ritorno al passato, una spirale che si distacca dalla narrazione cronologica e ripercorre in vari momenti l’esistenza di una banda di malavitosi del Lower East Side di New York.

A rendere indimenticabile questo film contribuisce straordinariamente anche la colonna sonora di Ennio Morricone, una delle più belle prodotte dal Maestro e di tutta la storia del cinema: chiudere gli occhi ed ascoltarla fa compiere un viaggio nella nostra vita. Tante sono le scene indelebili entrate nel mito. E’ difficile sceglierne una, tra il ballo di Noodles e Deborah sulle note di Amapola, il loro intenso dialogo da bambini prima e da grandi poi declamando il Cantico dei Cantici, Patsy che si abbuffa nella charlotte russa con panna destinata in origine a Peggy, l’incontro finale tra Noodles e Max.

La battuta probabilmente più iconica e famosa è quella con cui Noodles, rispondendo a Fat Moe che lo riaccoglie dopo 35 anni, gli dice: “Sono andato a letto presto”. E’ proprio dalla domanda di Fat Moe, “Che hai fatto in tutti questi anni”, che il giornalista Piero Negri Scaglione ha dato il titolo al libro pubblicato a settembre 2021, il quale ripercorre la storia dentro la storia di “C’era una volta in America”, l’avventura di Sergio Leone per arrivare a realizzare il proprio capolavoro.

Un’ossessione, una rincorsa, una lunga gestazione cominciata nel 1966 e durata diciott’anni, fino all’uscita del film nel 1984. Negri Scaglione racconta come dalla lettura di “The Hoods”, un piccolo libro di un autore ebreo di nome Harry Grey, sia nata in Leone l’ispirazione per un film che ne riproducesse le vicende; tra aneddoti, documenti originali, retroscena ed interviste, il giornalista piemontese ci conduce alla scoperta del tortuoso percorso che rese possibile la pellicola, all’inizio tagliata, stravolta e non apprezzata negli Usa, mentre in Europa, nella versione integrale, il pubblico seppe coglierne fin da subito la sontuosa magia.

C’è tanta Italia nel film, con le riprese effettuate a Venezia, sul litorale romano e negli studi di Cinecittà, e ci sono tanti protagonisti italiani, americani e non solo che da dietro le quinte hanno costruito questo spettacolo reso immortale dall’interpretazione magistrale degli attori. Per entrare totalmente dentro “C’era una volta in America” il libro di Negri Scaglione è un mezzo di accesso privilegiato: il consiglio non può essere dunque che di leggerlo. Per chi non avesse ancora colpevolmente mai visto il film, e anche per chi l’ha visto miriadi di volte ma non ne è mai stanco, il consiglio principale è tuttavia di mettersi comodi di fronte allo schermo.

Nel sorriso enigmatico di Noodles e nel fumo di un’epoca perduta, ognuno saprà dare un proprio valore al Tempo che sfugge, provando a capire dove finisce la realtà e dove comincia il sogno.

Collettivo Giovani Impruneta

Precedente

Firenze, eroina in bocca: prima vende la “dose”, poi reagisce contro gli agenti

Successivo

Covid19, 15 Gennaio: 11.761 contagi in Toscana, casi e incidenze per Comune