Ultime notizie

Referendum abrogativo a favore dell’eutanasia: il gruppo consiliare VIVA organizza un calendario di raccolta firme

Greve in Chianti – Il gruppo consiliare di minoranza VIVA – Cittadini per Greve in Chianti organizzerà un calendario di raccolta firme inerente al referendum abrogativo a favore dell’eutanasia legale.

Appoggeremo – spiegano i rappresentati del gruppo – L’Associazione Luca Coscioni che, grazie soprattutto alla battaglia di Piergiorgio Welby, seguita da quella di tanti altri, tra cui Peppino Englaro per Eluana e Fabiano Antoniani, fin dalla sua fondazione si batte per ottenere una legge sulla legalizzazione dell’eutanasia con il fine di riconoscere la piena libertà di autodeterminazione anche alla persona malata. Una legge che andrebbe a contrastare il fenomeno dell’eutanasia clandestina.”

DA COSA NASCE IL REFERENDUM?

É il 2017 quando Marco Cappato e Mina Welby, con un’azione di disobbedienza civile, forniscono aiuto al suicidio di Fabiano Antoniani (conosciuto come Dj Fabo), reso paraplegico e cieco da un incidente d’auto nel 2014.  Cappato e Webly agiscono su volontà di Fabo, il quale aveva espresso l’intenzione di andare in Svizzera per ricorrere al suicidio assistito. Gli stetti, subito dopo l’aiuto offerto, si autodenunciano.

Nasce da qua la storica sentenza a conclusione del processo che ha visto imputato Marco Cappato per aver offerto assistenza al suicidio a Fabiano Antoniani, ha portato la Corte Costituzionale a sollecitare il Parlamento a emanare una legge, entro settembre 2019, in grado di colmare il vuoto di tutele costituzionali che attualmente regolano il diritto al suicidio assistito. Il Parlamento, però, è rimasto inerte. Senza un intervento della Corte, dunque, stante l’inerzia del legislatore, Marco Cappato avrebbe rischiato dai 5 ai 12 anni di carcere per l’aiuto prestato a Dj Fabo. La Corte Costituzionale ha deciso che la condotta di chi aiuta al suicidio “non è punibile, ai sensi dell’articolo 580 del codice penale, a determinate condizioni”. In particolare non è punibile “chi agevola l’esecuzione del proposito di suicidio, autonomamente e liberamente formatosi, di un paziente tenuto in vita da trattamenti di sostegno vitale e affetto da una patologia irreversibile, fonte di sofferenze fisiche o psicologiche che egli reputa intollerabili ma pienamente capace di prendere decisioni libere e consapevoli”.

E’ proprio con l’obiettivo di una piena legalizzazione dell’eutanasia che dal primo luglio è partita la campagna di raccolta firme sul referendum di abrogazione parziale dell’articolo 579 del codice penale.

E’ arrivato il momento di far decidere ai cittadini su un tema che i politici si sono rifiutati di affrontare. Sono passati quasi otto anni da quando abbiamo depositato la proposta di legge per l’eutanasia legale, ma il Parlamento non l’ha discussa nemmeno per un minuto, nonostante le ripetute sollecitazioni della Corte Costituzionale. Se non si interviene ora con il referendum, il problema sarà spazzato sotto il tappeto ancora per molti anni, e noi non lo vogliamo permettere, per rispetto alle troppe persone costrette a subire condizioni di sofferenza insopportabile imposte dallo Stato italiano”, ha dichiarato Marco Cappato, Tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni.

Faremo sapere ai cittadini, tramite comunicati e con affissioni nella nostra bacheca di via Cesare Battisti a Greve, il calendario con date, orari e luoghi della raccolta firme, – affermano i consiglieri comunali – intanto i primi appuntamenti saranno davanti alla COOP di Greve sabato prossimo 24 luglio in orario 10/13 e domenica 1° agosto a Panzano sempre di mattina.”

Inoltre per chi fosse interessato a dare una mano nella raccolta delle firme ha la possibilità di contattare il seguente numero:
Flavio3335873939.

Chiara Barlazzi

Nata nel 1998, sono una studentessa laureata in Scienze Politiche. Grandissima appassionata di comunicazione politica e giornalismo, la scrittura mi “culla” fin dalla più tenera età: è da sempre il modo migliore con cui mi esprimo con gli altri. Curiosa di scoprire e desiderosa di condividere, collaboro con Dai Colli Fiorentini per raccontare il territorio attraverso una penna o – come più spesso avviene – un vecchio caro portatile.

Precedente

Foto / A1, auto in fiamme: intervengono i Vigili del Fuoco

Successivo

“Alcuni dei migliori porno…sono nei musei”: gli Uffizi diffidano PornHub