Ultime notizie

Prosegue il restyling del “ponte giardino” di Grassina: c’è una nuova parete in corten

Riproduce lo skyline di un paesaggio urbano arricchito da elementi naturali. In autunno il recupero dello storico murale sulla facciata della Casa del Popolo e l’avvio dell’ultimo lotto dei lavori che riguarderà il restyling del ponte sull’Ema completando il collegamento tra piazza Umberto I e il giardino di via Bikila, la pista ciclabile e il parco urbano

Rigenerazione urbana, prosegue la riqualificazione del “ponte giardino” che nel cuore della frazione di Grassina collega piazza Umberto I all’area verde di via Bikila, al parco urbano e alla pista ciclabile lungo l’Ema.
 
Dopo l’inaugurazione del passaggio pedonale avvenuta la scorsa primavera, adesso è stata installata dall’amministrazione comunale una controparete in acciaio corten lungo la facciata laterale della Casa del Popolo. Una sorta di quinta, costituita da pannelli di diverse dimensioni, che rappresenta uno skyline urbano in lontananza cui si sovrappongono, su piani diversi, elementi della natura quali rami, foglie e uccelli in volo.
 
La facciata riprende nello stile e nell’uso dei materiali la cancellata di ingresso del passaggio pedonale e introduce il tema dei parchi verso cui accompagna chi attraversa il “ponte-giardino” da piazza Umberto I. L’impiego dell’acciaio corten è motivato dalle sue caratteristiche naturali che consentono un facile inserimento ambientale, grazie al colore e alla grana materica e ad una elevata resistenza nel tempo, senza richiedere particolari necessità di manutenzione.
Dal Comune per la sua installazione è stato effettuato un investimento di circa 20mila euro.
I pannelli incorniciano lo storico murale realizzato il 25 aprile del 1975 dalla Brigata “Rodolfo Boschi” sulla facciata laterale della Casa del Popolo: il disegno, oggi bisognoso di manutenzione, sarà restaurato in autunno in accordo con la Casa del Popolo.
Nel mese di ottobre, terminata l’attività estiva della pizzeria all’aperto della Casa del Popolo, si aprirà infine il terzo e ultimo lotto dei lavori a completamento di tutto l’asse pedonale.
 
Con un ulteriore investimento di circa 63mila euro (per i quali il Comune ha ottenuto in larga parte un finanziamento regionale per progetti di rigenerazione urbana) sarà riqualificato il ponte vero e proprio attraverso una nuova pavimentazione, la sostituzione della cancellata, l’installazione di nuovi arredi – sedute, fioriere e segnaletica – e l’installazione dell’impianto di illuminazione a Led.
 
L’insieme contribuirà a trasformare il percorso non soltanto in un elemento di collegamento della viabilità pedonale urbana ma in un un vero e proprio “ponte giardino” da vivere oltre che da attraversare.
 
“Interventi – dice l’assessore ai lavori pubblici Francesco Pignotti – che nel complesso hanno l’obiettivo di potenziare la fruizione del centro abitato di Grassina da parte della cittadinanza e migliorare la vivibilità e la qualità della vita della frazione”.
 
“Sarà l’ultimo tassello – dice il sindaco Francesco Casini – per la ‘ricucitura’ del centro urbano di Grassina, grazie a un corridoio esteticamente gradevole e funzionale che farà dialogare la piazza centrale, i suoi servizi e le attività commerciali, con la parte retrostante alla Casa del Popolo, i parchi, la pista ciclabile e i percorsi lungo l’Ema. Obiettivo è portarlo a termine entro la prossima primavera”.

Precedente

Ataf, accolta la petizione del PD Ponte a Ema: prolungato l’orario delle linee 31 e 32

Successivo

Raccolta differenziata 2019: Impruneta si ferma al 73,41%