Ultime notizie

Padule, bambini “direttori dei lavori” per un giorno nella nuova scuola (ecologica) in costruzione

Gli alunni della primaria “Enriquez Agnoletti” hanno visitato il cantiere del nuovo plesso scolastico che sarà realizzato con i criteri della bioedilizia e che presto li ospiterà. Per l’occasione, si è svolta per loro una lezione speciale sul legno e sui materiali naturali. Casini e Pignotti: “La nuova scuola sarà un presidio di sostenibilità”

Caschetti protettivi, giubbotto arancione e rendering alla mano: sono “direttori dei lavori” molto speciali quelli che stamani hanno svolto un accurato sopralluogo alla nuova scuola del Padule, nel cuore di Bagno a Ripoli, in fase di realizzazione. A controllare lo stato di avanzamento del cantiere e le prossime tappe dei lavori sono infatti stati gli alunni della primaria “Enriquez Agnoletti” che hanno potuto osservare da vicino la loro nuova scuola, che presto li accoglierà.
 
La visita al nuovo plesso che sta prendendo forma, ecologico e completamente in legno, realizzato secondo i criteri della bioedilizia e con la parola d’ordine della sostenibilità, è stata l’occasione per una lezione sui materiali naturali impiegati nelle costruzioni e sulle tecniche per il risparmio energetico.
 
Un’idea del Comune e della dirigenza scolastica dell’Istituto comprensivo “Teresa Mattei”, presente con la dirigente Amalia Bergamasco, svolta in collaborazione con le ditte che stanno eseguendo i lavori, Consorzio Galileo e Kimmissa, ed accolta dai bambini della IV D e della IV C con grande entusiasmo e moltissime domande. Al termine della lezione a ciascun alunno è stato donato un mattoncino dello stesso legno con cui si sta costruendo la scuola. 
 
“La nuova scuola – spiegano il sindaco Francesco Casini e l’assessore alla scuola Francesco Pignotti – sarà un vero e proprio presidio di sostenibilità. Tutta in legno e realizzata secondo tecniche di bioedilizia all’avanguardia e del risparmio energetico, per le sue caratteristiche sarà lei stessa un esempio didattico e culturale per insegnare ai bambini che la vivranno quotidianamente il rispetto dell’ambiente e l’utilizzo di materie prime che possono rigenerarsi in natura. Da qui l’idea dei laboratori didattici, che insieme alla scuola e alle ditte, abbiamo deciso di avviare fin da adesso, durante le fasi del cantiere, in totale sicurezza, per mostrare  ai bambini come la loro scuola ecologica sta prendendo forma”.
 
Quello per la realizzazione della nuova scuola del Padule è uno dei maggiori investimenti di edilizia scolastica del Comune per un importo di 3,6 milioni di euro, insieme a quello previsto per l’ampliamento e la riqualificazione della scuola “Redi”.
Obiettivo dell’amministrazione è completare i lavori negli ultimi mesi dell’anno. 
 

Federico Giuliani

Inguaribile calciofilo, cerco di trasmettere la passione per questo sport attraverso ogni articolo ed ogni scatto fotografico.

Precedente

Toscana, coprifuoco come Cenerentola…aspettando il 21 Giugno (e la zona bianca)

Successivo

Le associazioni ambientaliste di Bagno a Ripoli contro il Piano Strutturale: “Tradisce la vocazione della nostra terra!”