Ultime notizie

Inaugurata la centrale InfoCovid: giovani studenti di medicina chiariscono ogni dubbio

Primo giorno oggi per la centrale di ascolto unica InfoCovid varata dalla Asl Toscana Centro per dare risposta alle tante domande dei cittadini su come affrontare la pandemia.

La nuova centrale operativa, allestita all’interno della Fortezza da Basso dove operano anche gli addetti al tracciamento, punta a informare in modo temspestivo e puntuale attraverso due direttrici: il sito web https://www.uslcentro.toscana.it/index.php/component/sppagebuilder/?view=page&id=7 con le pagine dedicate e la possibilità di accedervi in maniera interattiva, che si aggiunge alla modalità tradizionale, ad oggi la più gettonata, attraverso centralino telefonico. La centrale telefonica, che risponde al numero 055 4972600 (attivo tutti i giorni dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 18, anche nei festivi), è stata dotata di venti linee, ciascuna delle quali consentirà di avere risposte in merito a vari argomenti: casistica positivo, misure di prevenzione e comportamnento, tamponi e referti, scuola, rientri da estero, vaccinazioni.

A presidiare la centrale sono, a rotazione, una settantina di studenti dei corsi universitari di medicina e, soprattutto, delle professioni sanitarie, che sono stati appositamente formati.

La centrale InfoCovid è stata inaugurata questa mattina alla presenza del presidente della Regione Eugenio Giani, del direttore della Ausl Toscana centro Paolo Morello Marchese. Insieme a loro c’erano il direttore del dipartimento della Prevenzione della Asl Renzo Berti e il direttore della centrale Ferdinando Milicia.

Ringraziando e salutando uno per uno i giovanissimi operatori che, già dalle 9 di stamani si sono messi alla prova rispondendo alle numerossime chiamate, il presidente Giani ha sottolineato il valore dell’iniziativa.

“Una centrale di ascolto facilmente accessibile – ha detto – che va incontro alla fortissima domanda di informazione da parte dei cittadini, spesso disorientati dalla difficoltà di accesso ad un unico punto riferimento e bisognosi di trovare risposte in tempo reale a tanti interrogativi. Un lavoro prezioso per evitare il rischio che vengano prese strade improprie e perdite di tempo che possono essere molto dannose”. 

Nelle prime tre ore dall’attivazione, le principali richieste arrivate dagli utenti hanno riguardato soprattutto i vaccini.

Matteo Merciai

Precedente

CUR 112, il 1° mese di attività: 45.000 chiamate ricevute, il “pronto” arriva dopo 2 secondi!

Successivo

Covid19, 86 contagi nell’area fiorentina: i Comuni interessati (11 Gen)