Ultime notizie

Gimmi D’Aquino sul tetto d’Europa nel Wako Pro 56,4kg: è lui il più forte!

L’ansia e il peso della responsabilità, la sfida e il timore di non farcela, la pressione di giocare in casa e la convinzione dell’avversario. Puff. Pensieri sfumati d’un colpo a pochi minuti dal match che vale una carriera, che vale l’Europa: Gimmi D’Aquino, sul ring “il Turco”, si sta cingendo le mani con la benda quando, finalmente, entra in clima gara. Siamo al Palamattioli, ultimo incontro dell’evento domenicale Florence Fight: dai match senza contatto della mattina fino allo scontro che decide il campione europeo Wako Pro 56,4kg. Una giornata intensa.

Ci siamo.
Sono passate da pochi minuti le 20:00 del 10 Ottobre, cifre tonde per una giornata dai connotati storici. L’impresa è possibile, lo sanno i tifosi di Gimmi al seguito, il coach Gianpietro Marceddu e l’amico Cecco Valtancoli. Sul ring via le ansie, c’è da combattere: l’avversario è Marko Dordevic dalla Serbia, più alto di Gimmi e personalità alle stelle.

Sapete cosa ha dichiarato venerdì scorso per la presentazione della sfida? “In questa stanza vedo un solo campione…e sono io!”.
Con la risposta genuina di Gimmi: “Vedremo”.

Vedremo. E’ l’ora della verità, “verba volant ganci manent”…e fanno male: Gimmi c’è e da subito comanda il match, lavora bene di braccia e ascolta i consigli dei suoi coach. Quello decisivo? Attaccare con la gamba destra sulla sua sinistra, sfiancandolo.

E’ la strategia che funziona, Gimmi “gambizza” il serbo e l’arbitro a un minuto della terza ripresa (su 5 da 3 minuti) ferma tutto. Il Palazzetto già sa: Giacomo d’Aquino ha vinto. Dall’Antella al Palamattioli ci sono 14,7 km ma la distanza della strada percorsa da Gimmi non è misurabile in unità tangibili: va oltre, forse anche al concepibile, fino al tetto d’Europa dove adesso è piantata un’altra bandiera tricolore. Sportivamente si gode!

Gimmi è campione italiano europeo di Wako Pro 56,4 kg, riportando la cintura in quel di Firenze diversi anni dopo il successo del suo coach Gianpietro, del quale è erede designato.

Ora è tempo di esultare, dunque di concedersi il meritato riposo e pensare alla famiglia: “Di combattimenti ne riparleremo dal prossimo anno!”.

Federico Giuliani

Inguaribile calciofilo, cerco di trasmettere la passione per questo sport attraverso ogni articolo ed ogni scatto fotografico.

Precedente

Firenze, un uomo tenta di impiccarsi ad un albero del Parco delle Cascine

Successivo

Covid19, 79 contagi nell’Ausl Toscana Centro: ecco dove