Ultime notizie

FisioLab / SMART WORKING e sensazione di collo inchiodato? La fisioterapia è un’ottima alleata

Dalla rubrica di FISIOLAB, consigli per il proprio benessere
FisioLab si trova a Tavarnuzze, Campo di Marte e Tavarnelle Val di Pesa.

Dopo questo periodo di LOCKDOWN, in cui tanti sono restati a casa operativi con lo SMARTWORKING, è molto probabile che la CERVICALE sia tornata a farsi senitire. Rigidità, fastidio a ruotare la testa, scricchioli vari e sensazione di non poter piu muoversi liberamente sono comuni a tutte quelle persone che sono affette da Cervicalgia.

Purtroppo i rimedi fai da te sono molto diffusi e poco efficaci, cosi come molte credenze sbagliate che si continuano a tramandare senza nessun fondamento scientifico: cerchiamo come di consueto di fare il punto sulla situazione avvalendoci di quelle che sono le ultime evidenze dalla letteratura scientifica.

L’abbigliamento sembra essere scarsamente correlato al problema; mamme che si lamentano degli eccessivi scolli delle proprie figlie, nonne che consigliano lupetti o sciarpe per prevenire il torcicollo possono dormire sonni tranquilli: non esistono evidenze scientifiche che correlino aumento o comparsa di cervicalgia con determinate tipologie di abbigliamento.

• Cuscini con chicchi di ciliegia, sale del mar morto o che si scaldano nel microonde: nessun studio ne certifica efficacia per ridurre il mal di collo, a meno che non vengono accompagnati da un programma di esercizi di ginnastica posturale o stretching.

• Scrosci articolari, scricchiolii, sensazione di sabbia nel collo non sono sinonimi di peggioramento o di un quadro di artrosi grave; il fatto di sviluppare artrosi cervicale è NORMALE dopo i 30 anni di età! Decine e decine di studi oramai asseriscono che il modo migliore per far fronte al dolore che deriva dall’artrosi è il movimento, quindi perchè continuare a far credere alle persone che con l’artrosi devono stare attenti o muoversi poco???

• FISIOTERAPIA, GINNASTICA POSTURALE, ESERCIZI sono il miglior alleato per contrastare questa tipologia di problema. La terapia manuale e i massaggi in maniera isolata e non associati ad un programma di esercizi risultano poco efficaci.

Potreste quindi cominciare a migliorare le rotazioni della vostra testa, magari aggiungendo un piccolo movimento come annuire per ridare un po’ di mobilità alla vostra cervicale.

I nostri consigli sono quindi quelli di scegliere bene il professionista da cui farsi visitare, aspettare a eseguire esami come RX e Risonanza magnetica che spesso sono fuorvianti e poco utili, ed utilizzare un approccio attivo per far fronte a questo problema molto diffuso per far si che non diventi cronico. Per avere altri consigli util cliccate su http://www.fisiolabstudio.it/news/

 

Simone Pratesi
Fisioterapista OMPT

 

Precedente

Strada in Chianti, grave scontro tra due auto (notizia in aggiornamento)

Successivo

Settembre che non sarà Settembre…