Ultime notizie

FisioLab / Dolore al gluteo destro: è sciatica? Mi devo preoccupare? I nostri consigli!

I Consigli dei professionisti dello studio fisioterapico e Poliambulatorio di  FisioLab

Molti pazienti si presentano con questo tipo di sintomatologia e no, chiariamolo subito, non è un dolore grave di per sé. Spesso si creano falsi allarmismi per la confusione che si genera rispetto alle problematiche legate alla schiena. 

“Mi hanno detto che è sciatalgia”, “un conoscente è stato male per tanto tempo”, “mia nonna è diventata gobba”, “ho paura di finire in carrozzina” sono solo alcune delle paure che si generano dal passaparola della gente. Se è vero che queste paure sono ancora più presenti nei soggetti che hanno dolore a livello della gamba, è pur vero che in entrambe i casi si dovrebbe fare una valutazione con un clinico specialista (medico o fisioterapista) prima di giungere a tali conclusioni.

I sintomi riferiti a gluteo, coscia, polpaccio e piede possono infatti essere dovuti a problematiche del sistema nervoso, ma anche in questo caso c’è da fare alcune precisazioni. Prima di tutto questi dolori possono essere generati da strutture che non hanno nulla a che vedere con la schiena e i nervi.

Inoltre anche fossero generati dal rachide, nella stragrande maggioranza dei casi, hanno prognosi benigna; ovvero si risolvono con semplici interventi di terapia manuale e esercizio terapeutico come prima linea e terapia farmacologica come seconda scelta.

Numerosi studi ormai validati da tutta la comunità scientifica e medica hanno riconosciuto che il primo trattamento da effettuare è di pertinenza del fisioterapista il quale ti dirà se necessiti approfondimenti diagnostici, la consulenza di altro specialista e i tempi di guarigione ovviamente. Dubita di chi non è in grado di fornirti queste indicazioni.

La scelta di questa strategia terapeutica ha dimostrato di essere in grado di ridurre i tempi di ritorno alla normalità della vita, di ridurre i costi e di fornire notevoli informazioni per ridurre le recidive. Quindi non allarmarti se hai questi sintomi e contatta il tuo clinico di riferimento per una valutazione.

Per avere altri consigli util cliccate su http://www.fisiolabstudio.it/news/

 

Precedente

Coronavirus in Toscana, 22 Giugno: un solo nuovo caso, 4 decessi

Successivo

“Le scuole non siano seggi elettorali”: la petizione di Flc Cgil a Mattarella e Conte