Ultime notizie

Firenze, denunce e multe in quattro aziende: scoperti lavoratori “a nero” e clandestini!

Firenze 06 Febbraio 2020. Militari del Gruppo Carabinieri Forestale di Firenze, coordinati dal Nucleo Investigativo del Gruppo, hanno eseguito delle ispezioni presso alcune ditte gestite in prevalenza da cittadini di nazionalità cinese e ubicate nei Comuni di Vinci (FI) e Cerreto Guidi (FI).

L’attività ha richiesto il supporto di personale dell’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Firenze e dell’ASL. Nel corso dell’attività sono state ispezionate quattro aziende e sono stati verificati una trentina di lavoratori in maggioranza di nazionalità cinese, di cui nove risultati a “nero” e quattro clandestini. Questi ultimi sono stati portati presso la Compagnia CC di Empoli per le operazioni di fotosegnalamento.

Sono state notificate da parte dell’Ispettorato del Lavoro due sospensioni dell’attività imprenditoriale, sussistendo il requisito del superamento del 20% dei lavoratori a nero tra quelli presenti e sono state irrogate sanzioni amministrative per un totale di euro 39.700,00.

Un imprenditore cinese è stato denunciato per l’impiego di manodopera clandestina ed un secondo imprenditore di nazionalità del Bangladesh per intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro.

Un altro imprenditore sempre di nazionalità cinese è stato segnalato all’Autorità Giudiziaria perché nel corso dell’attività è stato riscontrato un impianto audiovisivo nei luoghi di lavoro non autorizzato, strumentale al controllo dei lavoratori durante le loro attività quotidiane.

Per due imprese l’ASL ha impartito prescrizioni per i luoghi adibiti a dormitori non conformi alla normativa vigente, essendo state riscontrate condizioni igienico sanitarie assolutamente precarie, contestato anche il reato di abuso edilizio.

Elevate dai CC forestali ulteriori sanzioni amministrative per euro 10.000,00 in base al TUA (Testo Unico Ambientale) per la mancata tenuta del registro di carico e scarico dei rifiuti.

Inoltre in un’azienda gestita da un cittadino italiano sono stati sequestrati tre fucili detenuti illegalmente e denunciato il proprietario per violazione del TULPS.

Precedente

Commisso senza filtri: dall’infanzia alla Fiorentina, dalla scuola alle frecciate alla Juventus

Successivo

Raccolta porta a porta…è arrivata anche “nel mezzo ai lupi”: il siparietto tra Pieraccioni e il sindaco Casini