Ultime notizie

Festa dell’Uva, programmi per il 2021. Intervista al Pres. Lazzerini: museo, virtual tour…e il domandone!

Entriamo nell’unico Museo permanente di una festa dedicata all’Uva, com’è esattamente da 94 anni quella di Impruneta, appassionata ed amata come nessun’altra. Sono le 18:35, nel paesello tutto sta chiudendo mentre un ammirato signore tedesco, profittando delle luci accese, si è intrufolato nella Sala Binazzi e ha appena comperato tutti i libri in esposizione. 

Un sorriso si forma sul volto del Presidente dell’Ente Riccardo Lazzerini, intuibile malgrado la mascherina mimetica:
“Hai visto, questa la devo dire al Consiglio…”

Nell’anno che ha cancellato la socialità, abortito gli abbracci e le strette di mano, la Festa dell’Uva si è legata definitivamente alla sua Storia celebrando la memoria prossima al secolo di vita. Poteva logorarsi o restare immobile ma, al contrario, si è resa eterna: il Museo della Festa dell’Uva è stato un successo, di pubblico finché ha potuto accogliere visitatori e di contenuti, raccogliendo materiale prezioso della collezione Gasparri e le etichette d’autore, appuntamento ideato 34 anni fa da Tullio del Bravo.

Pezzi d’arte pittorica, divenuti anche etichette, realizzate da grandi nomi quali ad esempio Folon, della cui tela è stata donata una copia dal Comune di Bagno a Ripoli. Proseguiamo il tour guidato da Lazzerini, studiando il momento opportuno per sferrare la domanda decisiva…

Davvero un bel Museo Presidente e che bella mostra in Sala Binazzi!
“E’ di Alberto Bellosi, riproduzioni dei monumenti più famosi al mondo realizzati in terracotta. Una manualità sorprendente!”

2021, quali sono le novità che riguardano il Museo?
Due imminenti, entrambe all’insegna del tecnologico: la prima sarà il lancio del VIRTUAL TOUR del Museo mentre la seconda è relativa alla messa online dell’archivio della Festa dell’Uva. Il materiale storico sarà consultabile sia “in presenza” sia – a breve – direttamente dal sito internet www.festadelluvaimpruneta.it, per facilitare la conoscenza della nostra avventura lunga 95 anni.

Ha detto Virtual Tour, ovvero?
“E’ un’iniziativa che ci mette al pari di grandi musei di fama nazionale e internazionale: grazie alla BA engineering e alle loro riprese a 360°, il Museo sarà visitabile online, collegandosi semplicemente al pc e vivendo unesperienza virtuale-reale…anche se noi, ovviamente, speriamo che non ci siano future limitazione alle visite.”

Altri piani relativi al Museo?
“Visto i buoni rapporti con la BCC, stiamo pensando per la prossima estate di utilizzare lo spazio verde retrostante la Sala Binazzi come possibilità di espandere all’esterno l’area museale. Vedremo.”

Eccoci alla domanda tanto attesa. Pronti?
La 95° Festa dell’Uva, nell’anno 2021, si terrà secondo il Presidente?
“Siamo qui per lavorare esattamente a questo. Ci vorrebbe la sfera di cristallo per conoscere cosa ci riservano i prossimi mesi ma l’Ente, i rioni ed i rionali devono predisporsi mentalmente all’idea di realizzare la 95° Festa dell’Uva.
Partire “sconfittiAssolutamente no. 
Non sappiamo come, certo, ma già dalla prossima settimana avvieremo degli incontri con i presidenti dei  quattro rioni per comprendere condizioni, possibilità, fattibilità.”

 

Quali sono le principali difficoltà, ad oggi?
“Il problema non è la sfilata  ma tutto ciò che viene prima, fondato sul vivere insieme il rione e sull’organizzazione di eventi di autofinanziamento”. 

Senza pubblico scendereste comunque in piazza?
“Si, grazie alla diretta televisiva introdotta due anni fa saremmo comunque visti e seguiti. “

E le sagre dei quattro rioni?
“Per queste potremmo seguire l’opzione elaborata lo scorso aprile, nel pieno della pandemia: se ci saranno le condizioni le faremo ma se salterà anche una sola sagra, per garantire imparzialità, annulleremo anche le altre sostituendole con un unico appuntamento “multirionale”. Magari una sola condivisa manifestazione nel mese di luglio che ci consenta un minimo di autosostentamento”. 

Malgrado tutto, può dirsi fiducioso per il 2021?
“Si, ribadisco, siamo qui e lavoreremo per dar concretezza alla prossima Festa dell’Uva.”

Matteo Merciai

Precedente

Covid19, 76 contagi nel fiorentino: ecco dove (12 Gen)

Successivo

“Firenze Insolita”: Archetipo organizza passeggiate teatrali alla scoperta…