Ultime notizie

Federico Buffa racconta il CS Lebowski: “Un calcio pretesa di libertà”

Federico Buffa, il più grande storyteller sportivo italiano, si è prestato per raccontare una favola fiorentina che ha a che fare con il calcio e non solo, con la società, con un’idea pretesa di libertà: Il CS Lebowski. Un bellissimo, spettacolare, video!
 
“Se fosse stato il video di una qualsiasi squadra di calcio, le immagini dei giocatori sarebbero arrivate dopo pochi secondi. Ma qui siamo al Lebowski e quello che vedete succede perché c’è qualcuno fuori che lo fa succedere, giorno dopo giorno, con il proprio impegno in prima persona. Questo è il messaggio scandaloso che portiamo al mondo del calcio: è possibile esistere mettendo i tifosi e le tifose al centro della scena.
 
È possibile vincere anche senza un presidente facoltoso. È possibile cambiare le regole del gioco. Questo video racconta una delle tante giornate speciali della nostra storia. Esistiamo da più di un decennio e adesso ci sentiamo pronti a chiedere a noi stessi qualcosa di più: questo modello funziona, la proprietà collettiva di un Club funziona, vogliamo farlo diventare un simbolo di trasformazione e di speranza per tutti coloro che pensano che anche lo sport possa cambiare il mondo.
 
Questa stagione dunque, senza fare un passo indietro, faremo tutto solo con il sostegno delle nostre sostenitrici e sostenitori, a partire da questo stesso video, completamente autoprodotto. Questa è la nostra pretesa di indipendenza, di libertà. Chiediamo a chi da tempo combatte per un calcio a misura della propria comunità di partecipare alla nostra campagna di azionariato popolare.
 
Servono 800 persone disposte a dare 100 euro per fare la scuola calcio, il calcio a 5 e le prime squadre maschili e femminili. Su questa pagina trovi le semplici istruzioni per partecipare: https://www.cslmembership.it/campagna…
 
SE AMI IL GIOCO, DIVENTANE PROTAGONISTA.

Precedente

Bagno a Ripoli, contagi tra gli agenti della Polizia Municipale: nessun ricovero!

Successivo

Bagno a Ripoli per il “Pink October”: anche il Palazzo Comunale si colora di rosa