Ultime notizie

Calcetto: si può. Anzi no! Impianti sportivi nel caos

Era atteso per oggi, giovedì 25 giugno, il via libero per gli sport di contatto, tra cui il calcetto, passione di moltissimi italiani.
Gli appassionati però dovranno ancora aspettare, dal momento che il CTS (Comitato Tecnico Scientifico) ha bocciato l’entusiasmo del Ministro dello Sport Spadafora, che invece si era pronunciato favorevole alla ripresa delle attività.

Una bocciatura giustificata ovviamente dal timore che certi tipi di attività rappresentino un rischio per la salute, dal momento che il virus è ancora in circolazione.

Una notizia spiacevole sicuramente per gli sportivi, ma sopratutto per i gestori degli impianti che attraverso il noleggio dei campi da gioco traggono il loro sostentamento.calcetto

Infatti, nella migliore delle ipotesi, nelle prossime settimane si potrà riprendere l’attività calcistica “tra amici”, senza la consueta organizzazione di manifestazioni e tornei che rappresentano una delle principali attività dei centri sportivi.

La situazione nel nostro territorio

Nel nostro territorio alcuni impianti come lo Zodiac a Tavarnuzze, Valleverde a Ponte a Ema e il Centro Sportivo Anchetta al Girone ci hanno confermato telefonicamente che al momento non è possibile noleggiare i campini e che è stato necessario “sfissare” alcune prenotazioni ricevute nei giorni scorsi.

Una notizia che ha colto di sorpresa i gestori degli impianti, dal momento che è arrivata poche ora prima della possibile riapertura. Lo sconforto è alimentato dal fatto che, al momento, non ci sono neanche possibili date di ripartenza su cui fare affidamento in prospettiva. In sostanza: il caos.

Tutto ciò in un contesto che vede inoltre differenze a livello regionale, dato che in Puglia, Sicilia e Abruzzo sembra che sia stato concesso il permesso di riprendere le attività sportive di contatto.

L’auspicio è che si possa fare chiarezza e trovare una linea d’azione comune e ben definita, sia per lo svago degli appassionati che per la salvaguardia del lavoro di chi vive grazie all’attività sportiva amatoriale.

Precedente

Matrimoni fuori dal Comune? Bagno a Ripoli cerca nuove location per il giorno del “SI”

Successivo

Impruneta, la lettera mattutina dei cittadini….”dopo ogni sera / notte di degrado”