Ultime notizie

Bus Rapid Transit, i dubbi di VIVA: “Ma il Comune di Greve in Chianti ha partecipato alla progettazione?”

“Bus Rapid Transit: ma il Comune di Greve in Chianti ha partecipato alla progettazione?”. A porre la domanda è il gruppo VIVA – Cittadini per Greve in Chianti, il quale diffonde il seguente comunicato stampa: 

 “Abbiamo saputo dalla stampa locale dell’approvazione di un progetto importantissimo per i cittadini di Greve in Chianti. Un progetto che vuol rivoluzionare il trasporto pubblico locale dopo 90 anni di SITA (poi autolinee Chianti Valdarno) ed un anno di un servizio traballante di Autolinee Toscane. Da quando ci fu annunciato nel mese di novembre 2021 alla Casa del Popolo abbiamo più volte espresso in Consiglio Comunale le nostre preoccupazioni e perplessità su un progetto che sembrava più adatto alle presentazioni dei politici dei nostri giorni che alla concreta realtà: Autobus elettrici lunghissimi sulle nostre difficili curve, fermate rare su un territorio popolato e con
più direttrici, “rotture di carico” (ovvero discese da un mezzo per prenderne un altro) ma soprattutto tempi lunghissimi di percorrenza.

Alle puntuali critiche di Legambiente Chianti fiorentino risponde Francesco Casini, Sindaco di Bagno a Ripoli e Consigliere Metropolitano delegato ai trasporti, ammettendo errori e necessità di approfondire e meglio precisare un progetto di massima “fatto in fretta e furia “per attingere a finanziamenti regionali e nazionali.

Due domande a questo punto sorgono spontanee però:

a) il progetto è pur costato più di un milione di euro: non meritavano una maggiore attenzione i temi sollevati, ora da Legambiente, ma in precedenza dalle nostre interrogazioni e dalla discussione alla Casa del Popolo di Greve in Chianti nel novembre scorso?

b) il percorso del BRT attraversa tre Comuni, Greve in Chianti, Bagno a Ripoli e Firenze ma il progetto è essenziale e vitale soprattutto per Greve in Chianti prevedendo anche numerosi interventi in termini di opere pubbliche da prevedere sul piano urbanistico: ma i nostri amministratori hanno partecipato alla elaborazione di questo progetto? Sono stati consultati? Oppure sono ancora a pensare alla circolare del Chianti che collega o forse collegava, Greve, Impruneta, San Casciano e Tavarnelle?

Mentre tutti gli utenti del servizio di Trasporto Pubblico Locale sono alle prese con le difficoltà del nuovo gestore, che a volte fa rimpiangere la vecchia SITA, merita maggiore attenzione della politica locale un servizio come questo essenziale per gli studenti ed i lavoratori.

I biglietti non si trovano, i capolinea sono stati spostati in una terra di nessuno dove non ci sono punti di riferimento: se a questi disagi si aggiungono le disattenzioni di questo progetto ogni
amministratore perde di ogni credibilità.

Per questo chiederemo una discussione specifica in un Consiglio Comunale aperto su questo tema.

Redazione

Precedente

News Serie D: brividi per Sangio-Arezzo, rivoluzione a Grosseto!

Successivo

Toscana, codice giallo per vento e temporali: i dettagli