Ultime notizie

Bambino ritrovato, il racconto del volontario: “Tutti commossi davanti a Nicola che cercava la mamma”

“Lui era in braccio al carabiniere, con due occhioni grandi, guardava tutti, sembrava non capire cosa ci facevamo, era spaesato, ma nulla di più. Non dava affatto l’impressione di essere rimasto solo, al buio, in un bosco, per tutte quelle ore. Ogni tanto chiedeva della mamma che è arrivata ad abbracciarlo poco dopo e noi tutti ci siamo commossi”.

A raccontarlo è Bartolomeo, 28 anni, volontario del coordinamento Misericordie dell’Area fiorentina che stamattina è stato tra i primi ad accertarsi delle condizioni del piccolo Nicola Tanturli, ritrovato nei boschi del Mugello dopo ore e ore di ricerche. Il piccolo, messo a letto dopo cena, si era allontanato con i genitori intenti a dar da mangiare agli animali fuori casa, perdendosi tuttavia nel bosco.

Racconta Bartolomeo: “Quando ci hanno detto che era stato ritrovato, non sapevamo bene in quale situazione lo avremmo visto, la volante dei carabinieri ci ha chiamato, siamo corsi sul posto, su quella stradina sterrata, abbiamo potuto subito vedere che non aveva bisogno di interventi, aveva appena qualche graffio, ma era in salute, vigile, tranquillo nonostante tutto quel trambusto. Tutti eravamo consapevoli di essere davanti a un miracolo”.

“Nella notte ero passato a controllare anche quella strada, in pieno bosco, si sentivano gli animali, mi immaginavo come si doveva sentire un bambino così piccolo da solo, nel buio”.

Bartolomeo era stato assegnato ieri sera al lavoro di coordinamento delle squadre di volontari. “Arrivavano anche persone della zona a unirsi alla ricerca, siccome non c’era campo per il cellulare le squadre dovevano fare riferimento ai vigili del fuoco o ai carabinieri con i gps. Nessuno ha dormito, abbiamo perlustrato tutta la notte e di nuovo abbiamo ripreso le ricerche all’alba. Mi dispiace se ora il mio racconto non è lucido”.

Sono state 8 le Misericordie dell’area fiorentina impegnate – con 27 volontari, 7 mezzi fuoristrada, 1 quad, 2 auto per il coordinamento delle squadre, un mezzo attrezzato per essere un Posto Comando Avanzato – nella ricerca dalle 13 di ieri e che è continuata nella notte, per interrompersi solo qualche ora e riprendere all’alba. 

“Rringrazio di cuore i tanti volontari che si sono impegnati in questa incessante ricerca che per fortuna si è conclusa nel migliore dei modi”, commenta Andrea Ceccherini, presidente del Coordinamento Misericordie dell’Area fiorentina.

IL PEGASO DA GIANI

Eugenio Giani, Presidente della Regione Toscana, ha annunciato inoltre che consegnerà il premio “Pegaso” al sindaco di Palazzuolo sul Senio Gian Piero Philip Moschetti per l’impegno profuso nel ritrovamento del piccolo Nicola.

“Voglio dire grazie – ha detto il presidente Eugenio  Giani- a tutti i soccorritori che in queste ore, lottando contro il tempo, hanno consentito il ritrovamento del piccolo. Il sindaco Moschetti rappresenta la comunità che in un grande sforzo si è impegnata per contribuire a questo meraviglioso lieto fine”

La cerimonia di consegna si svolgerà domani 24 giugno alle 12 nella sala Pegaso di Palazzo Strozzi Sacrati.

Federico Giuliani

Inguaribile calciofilo, cerco di trasmettere la passione per questo sport attraverso ogni articolo ed ogni scatto fotografico.

Precedente

Settimana della Gentilezza, a Bagno a Ripoli inaugurate tre nuove panchine viola

Successivo

Firenze, senza patente e con 12 dosi di cocaina nel casco