Ultime notizie

Bagno a Ripoli, riparte la mensa scolastica con Siaf: niente pranzo “a sacco”, ecco le novità

Dalla prossima settimana, Siaf, la società di refezione del Comune, tornerà a preparare il pasto per 1600 studenti ripolesi dalle materne alle medie. 

Nessuna monoporzione, nessun pasto preconfezionato. L’emergenza sanitaria non ferma la qualità della mensa scolastica di Bagno a Ripoli. Dalla prossima settimana, Siaf, la società di refezione del Comune, tornerà a preparare il pasto per 1600 studenti ripolesi, dalle scuole dell’infanzia alle secondarie di primo grado (lunedì 28 settembre, via all’Istituto Mattei; martedì 29 all’Istituto Caponnetto). 
 
Una sfida, la ripartenza della mensa dopo la chiusura forzata delle scuole a causa del lockdown, che Siaf si prepara ad affrontare con nuovi modelli organizzativi, più personale all’opera e un menù ancora più a misura di bambino, per garantire un servizio in totale sicurezza per gli alunni, gli insegnanti e gli stessi operatori. Qualche cambiamento ci sarà.
 
 Tutti i bambini pranzeranno in classe al proprio banco, che verrà debitamente igienizzato prima e dopo il pasto. Grazie agli investimenti dell’amministrazione, sarà potenziata la presenza in classe delle sporzionatrici di Siaf, che potranno così servire i bambini direttamente al loro posto o con soluzioni personalizzate per ogni scuola e progettate insieme al Comune e alle direzioni didattiche.
“Il personale – spiega Maria Letizia Melandri, responsabile Produzione & Food Quality di Siaf – sarà dotato di mascherina, visiera protettiva e di tutti i dispositivi di sicurezza individuale necessari. Nei mesi scorsi ogni operatore è stato scrupolosamente formato sulle norme anti-contagio e sui protocolli aziendali anti-Covid, che Siaf ha avuto modo di sperimentare già da marzo nella gestione dei servizi essenziali come quelli ospedalieri e, nell’ambito educativo, durante i centri estivi. Siamo pronti per ripartire, e come sempre e più di sempre, lo faremo in sicurezza e all’insegna della qualità”.
 
Tutti i piatti saranno espressi e il menù, rispetto al passato, conserva e rilancia l’impiego di prodotti di qualità, senza conservanti, materie prime locali, biologiche e di filiera corta, a partire dall’olio di Bagno a Ripoli fino alle verdure di stagione messe a disposizione dalle aziende agricole del territorio. Alcuni piatti saranno tuttavia resi più semplici per rendere gli alunni, specie i più piccoli, maggiormente autonomi.
 
Alla “ciccia” da tagliare, così, si prediligono quest’anno i bocconcini di carne o il polpettone, più facili da mangiare da soli ma altrettanto buoni, genuini e nutrienti. Non mancheranno, come di consueto, diete speciali calibrate sul singolo alunno, legate a specifiche esigenze sanitarie o a scelte etiche e religiose.
 
Il menù (scaricabile al seguente link https://drive.google.com/drive/folders/1A-rnyGX1C_lHwFaSJFK7wqjor5Mqec91?usp=sharing), elaborato da un team composto dalle dietiste di Comune e Siaf, dalla nutrizionista e dai cuochi della società di refezione e approvato dal servizio dietetico della USL Toscana Centro, sarà reperibile online (www.siafcare.it – www.comune.bagno-a-ripoli.fi.it) e sulla pagina Facebook dell’amministrazione ripolese (www.facebook.com/comunebagnoaripoli) che proporrà quotidianamente i patti del giorno nelle scuole.
 
Come sempre, la mensa scolastica di Bagno a Ripoli si conferma 100% plastic free, con la completa eliminazione del materiale a perdere dalle tavole dei bambini che consente alle scuole ripolesi di risparmiare 21 tonnellate di plastica all’anno.
 
“Il Covid – dichiara il sindaco Francesco Casini – a Bagno a Ripoli non ferma la qualità della nostra mensa scolastica, già valutata da Slow Food come una delle migliori in Italia e non solo. Anzi, grazie ai nuovi investimenti da parte dell’amministrazione comunale e alla riorganizzazione di Siaf, nonostante l’emergenza sanitaria, riusciamo a garantire a tutti i bambini e alla comunità scolastica un servizio d’eccellenza e in totale sicurezza. Se l’attenzione alle materie prime è da sempre il pallino della nostra mensa, a dispetto della difficoltà del momento, si rilanciano l’attenzione all’ambiente con l’addio alla plastica e la lotta agli sprechi alimentari, e si rafforza il concetto del pranzo a scuola come momento educativo fondamentale per i più piccoli.
 
Voglio ringraziare Siaf, tutti i cuochi, gli operatori al lavoro e l’ufficio scuola del Comune che con un coordinamento costante con gli istituti del territorio, sono pronti a ripartire con un servizio che mette al centro i nostri bambini e la loro salute”.

Precedente

Grassina, Via Giotto rimasta ancora sott’acqua: “E’ la terza volta in pochi anni, adesso basta!”

Successivo

Cene ed eventi al CRC Antella, aspettando il Cinema: “Vogliamo continuare ad adempiere al nostro ruolo sociale!”