Ultime notizie

Atletico Calcio Impruneta, il mister della promozione Morrocchi saluta

Scossone in casa Atletico Calcio Impruneta, avvenuto alla vigilia di dicembre e con ben 19 turni ancora da disputare prima della sentenza di fine campionato. I bianco-verdi del paesello, neopromossi in Seconda Categoria, salutano Mister Alessandro Morrocchi, il coach della rinascita iniziata ufficialmente nell’estate del 2021. 

E proseguita con estremo successo nella stagione 21-22, quando l’Atletico Calcio Impruneta si imponeva ai playoff conquistando il passaggio di categoria al primo tentativo. Esultando, giustamente, per un’impresa inattesa. 

Oggi, 199 giorni dopo la vittoria decisiva contro i Giovani Fucecchio, mister Morrocchi ha rassegnato le proprie dimissioni dall’incarico di Head Coach o, come si dice semplicemente nel calcio, mister. Si è fatto da parte per una serie di motivi, tra i quali risultati altalenanti che, nel salto di categoria, erano più che prevedibili: l’Atletico Calcio Impruneta, alla 11° giornata, è quart’ultimo in classifica a 10 punti, con 6 sconfitte a referto ma una salvezza largamente a portata. 

Atletico Calcio Impruneta

Del resto, come ben sa mister Morro, il “Calcio è il Calcio” e in pochi mesi se non giorni la prospettiva cambia. E’ così, c’è poco da fare e ciò che era un valore aggiunto nelle vittorie – la paesanità e il carattere tipicamente imprunetino della realtà nero-verde – può tramutarsi in un boomerang nelle difficoltà.

Con queste parole concilianti mister Morrocchi ha salutato la squadra:

Il CALCIO è il CALCIO. Grandi gioie e grandi sofferenze, molte volte capita di scontrarsi con delle regole non scritte che fanno comunque parte di questo bellissimo giochino. Purtroppo è arrivato il momento per me di farmi da parte e chiudere un percorso molto impegnativo che ha portato delle soddisfazioni. Lascio una squadra di giocatori/persone/amici alle quali voglio tanto bene e alle quali auguro di arrivare più in alto possibile. Oggi perdete un componente dello spogliatoio ma acquistate un nuovo tifoso!! In bocca al lupo per il proseguimento del campionato….MR.Morro”

Il successore di Morrocchi è una scelta interna e inevitabile, finalizzata a mantenere una dimensione quanto più imprunetina possibile: Simone Bartoli, fin qui con mansioni di direttore sportivo e secondo allenatore, prenderà le redini dello spogliatoio, responsabilizzandosi nel ruolo di Mister. 

La decisione di affidare la guida tecnica a Simone, anch’egli classe 1991, conferma la linea verde dell’Atletico Calcio Impruneta: Bartoli ben conosce ambiente e categoria, avendo per anni giocato tra 3° e 2° con la maglia, tra le altre, del Chianti Nord. A coadiuvarlo sarà Paolo Ronchetti, uomo di esperienza, che farà il vice e sostituirà in panchina Simone nelle ultime tre giornate di campionato del 2022:  Bartoli, infatti, sta ancora scontando una squalifica di tre mesi e tornerà in campo soltanto l’8 gennaio.

La sfida è intrigante con una partenza oltremodo audace: l’Atletico Calcio Impruneta, infatti, dovrà affrontare nelle prossime tre giornate la seconda in classifica ovvero la Sambuca, la primissima San Gimignanese e per chiudere l’anno il derby con la Grevigiana. 

“Non sarà facile ma ci proveremo. Ci tengo a ringraziare Mister Morrocchi: siamo amici, prima di allenatori, direttori sportivi e giocatori. Il percorso di rinascita del calcio imprunetino è anche merito suo: abbiamo rifondato l’ambiente, portato nuovo entusiasmo e perfino vinto i playoff guadagnandoci sul campo la possibilità di disputare la Seconda Categoria. Tutto questo lo abbiamo fatto insieme, io, lui, la società. Il nostro ringraziamento è doveroso e sincero.”

Matteo Merciai

Direttore della testata online Dai Colli Fiorentini, ha fondato questa piccola grande realtà il 9 aprile 2016, lanciandosi nel sogno di raccontare il proprio territorio trasportato dalla passione e da un occhio attento e critico. Ha avuto esperienze e collaborazioni durature con Striscia La Notizia, Corriere Fiorentino, Chiantisette, Sportitalia

Precedente

Campo di Marte, minorenni minacciati e derubati

Successivo

Oltre 13.000 incidenti in Toscana nel 2021: quali sono le strade più pericolose?