Ultime notizie

Addio al prof. Cherubini, il sindaco Casini: “Una figura di grande spessore, fautore della nostra Biblioteca”

 
“È con grande dispiacere che abbiamo appreso della scomparsa del professor Giovanni Cherubini, che ci ha lasciati quest’oggi a 85 anni,
 
Queste le parole del sindaco di Bagno a Ripoli Francesco Casini:  “Una figura di grande spessore all’interno della nostra comunità, non solo per l’impegno accademico ma anche per i ruoli che ha ricoperto nelle istituzioni”.
 
Il professor Cherubini è stato assessore per due mandati dal 1975 al 1980 e dal 1980 al 1985 sotto la guida del sindaco Riccardo Degli Innocenti, e successivamente Presidente del Consiglio Comunale dal 1999 al 2004 sotto la guida del sindaco Giuliano Lastrucci.
 
È stato assessore all’istruzione e alla cultura, ha collaborato con Marcello Trentanove e insieme hanno portato avanti la battaglia per il tempo pieno nelle scuole. Come assessore fu lui ad istituire l’ufficio cultura del Comune di Bagno a Ripoli e a volere fortemente la costruzione della nuova biblioteca comunale a Ponte a Niccheri.
 
Dopo avere insegnato per alcuni anni nella scuola media, iniziò la sua carriera universitaria, che lo ha visto al fianco di personalità come Ernesto Sestan, devoto allievo di Gaetano Salvemini, ed Elio Conti.
Tra i numerosi incarichi accademici che hanno costellato la sua brillante esperienza, fu presidente del Dipartimento di Storia e coordinatore del Dottorato di ricerca in Storia medievale.
 
Nella sua lunga attività, è stato chiamato a far parte di molte accademie o società storiche, tra cui l’Accademia dei Georgofili. Nel 2012 ha ricevuto il premio dell’Amministrazione Comunale “Una Vita Premiata” per il suo impegno.
 
Residente a Grassina dagli anni 70, era sposato con la signora Bruna dal 1961 e aveva una figlia di nome Francesca. Alla famiglia del professor Cherubini, il profondo cordoglio a nome di tutta l’amministrazione comunale.

Matteo Merciai

Precedente

Coronavirus in Toscana, 22 Febbraio: +61 ricoveri, ancora oltre 900 contagi (203 nell’area fiorentina)

Successivo

Covid19, primo “decreto-legge Draghi”: in attesa del 5 marzo, ecco novità e conferme