Ultime notizie

Scuola Via Roma, Calamandrei: "A settembre la riapertura, tutto secondo i piani malgrado gli allarmismi delle opposizioni"

“Tutto secondo il cronoprogramma“, sostiene il sindaco di Impruneta Alessio Calamandrei riferendosi alla Scuola di via Roma, intitolata a Luca della Robbia, la cui apertura “parziale e temporanea” in attesa del nuovo plesso scolastico è prevista per settembre 2019. Il 7 gennaio 2019, giorno di ripresa scolastica dopo le vacanze natalizie e teoricamente data di ingresso delle classi materne, le opposizioni imprunetine manifestarono di fronte al portone della struttura il loro dissenso: “Quando? Come? Dove? Vogliamo capire”.

Un primo ritardo, infatti, si era verificato con l’obbligo di posticipare da gennaio a settembre 2019 l’ingresso in classe dei piccoli imprunetini: “I tempi indicati al primo punto del suddetto comunicato indicava l’apertura dopo il periodo natalizio. Purtroppo si sono verificati delle complicanze non previste in quanto la struttura, chiusa da 6 anni, ha portato alla luce problemi tecnici che impediscono l’apertura nei tempi previsti. Non fa piacere a nessuno promettere un risultato ed eluderlo, ma aspetti come la salvaguardia della sicurezza comportano procedimenti amministrativi lunghi che fanno slittare l’apertura a settembre 2019″. 

Adesso, invece, tutto procede secondo i piani previsti per la riapertura a settembre 2019 della scuola di via Roma in maniera “parziale e temporanea”, così come votato dal consiglio comunale nell’aprile 2018.
“Questa ristrutturazione – dichiara Calamandrei – permetterà il trasferimento delle classi materne attualmente nel plesso scolastico della Paolieri.

Giovedì 2 maggio alle ore 13,00 si è chiuso il bando, e poco dopo le 15,00 gli uffici con la commissione erano già al lavoro per l’apertura delle buste. 
Martedì 7 maggio con Determinazione 292, è stato effettuato “l’affidamento diretto dei lavori”, e giovedì 9 è stato firmato “il verbale di consegna dei lavori”
alla ditta aggiudicatrice dopo un attento e minuzioso sopralluogo dove ha partecipato anche il sindaco.
La ditta che si è aggiudicata l’appalto, (IRES spa) ha partecipato con un ribasso d’asta del 12% per un importo complessivo di circa 130.000 euro.

“Tutto procede secondo il cronoprogramma che ci eravamo dati, giusto alcuni giorni di ritardo ma che non destano nessuna preoccupazione. I continui allarmismi che la strana coalizione di opposizioni ad Impruneta continuano a propinare alla popolazione (corte dei conti, caratterizzazione delle terre, giusto per citare i due casi più eclatanti dell’ultimo periodo), vengono matematicamente smontati con i fatti, uno dopo l’altro da questa amministrazione. 
Un continuo e ormai stantio “al lupo al lupo” che fa venire in mente gli stessi comportamenti governativi su una percezione completamente diversa dalla realtà. I continui passaggi fatti anche col gruppo di monitoraggio costituito dal Consigli di Istituto, ha consentito di rendere partecipi e seguire passo passo tutta la procedura burocratica, obbligatoria per legge.

Siamo consapevoli dei ritardi sui nuovi plessi, così come siamo altrettanto consapevoli che negli ultimi anni, sia la ristrutturazione della scuola Paolieri, che dell’asilo di via Cooperazione, i lavori sono sempre stati nei tempi previsti, nonostante i continui attacchi e le posizioni continuamente scettiche.

Noi continuiamo a lavorare seriamente “per” i cittadini, senza farne questioni ideologiche o di “stracismo infamante politico”. E’ giusto che le opposizioni facciano il proprio lavoro, ma il perpetrare continuamente il loro “NO” a qualsiasi cosa si porti avanti, non fa altro che far sorridere, e certamente non cadremo nelle loro continue e pedisseque provocazioni portate avanti sui giornali ed in consiglio comunale.”

La manifestazione delle Opposizioni del 7 gennaio 2019

Matteo Merciai

Precedente

Politica Bagno a Ripoli, ecco i candidati della Lega in sostegno di Acanfora. Sicurezza si, tramvia no!

Successivo

A Bagno a Ripoli nasce il primo giardino pubblico “Silvano 'Nano' Campeggi”