“La terracotta e il vino 2016”: Impruneta internazionale per due giorni alla...

“La terracotta e il vino 2016”: Impruneta internazionale per due giorni alla Fornace Agresti.

736
0
CONDIVIDI

Si è appena conclusa la seconda edizione della manifestazione che ha ospitato produttori provenienti da tutto il mondo, il primo evento del genere in Toscana.
Quale luogo più suggestivo di una fornace del 1700 per rappresentare il connubio tra terracotta e vino? E’ il tema messo in scena alla Fornace Agresti di Impruneta, che ha ospitato la convention internazionale dedicata alla vinificazione in anfora, un’antica tecnica di origine greco romana praticata ancora in tutto il mondo, come testimoniano i 41 produttori di vino che hanno partecipato all’evento ( 23 italiani e 18 esteri).

Un centinaio le etichette di vini affinati in giare che i visitatori hanno potuto degustare passeggiando fra i tanti espositori provenienti da Austria, Portogallo, Francia, Stati Uniti, Armenia, Georgia, Australia e da tutte le regioni d’Italia. In altre parole, può bastare un assaggio per assaporare la storia di paesi lontani fra intrecci di note di legno, resina, frutti ed altri retrogusti. Un vero e proprio evento di respiro internazionale dove produttori, esperti ed enologi hanno condiviso le loro esperienze sull’utilizzo della terracotta in enologia con dibattiti sul tema. Tra le tematiche di maggior interesse le caratteristiche del vino affinato in anfora e le nuove tecnologie che si inspirano alle antiche tradizioni.

A dare un tocco di rosa alla manifestazione il filmato di Guillaume Bodin “Il vino, le donne, la biodinamica” che uscirà in Francia nel 2018 e che mette al centro il lavoro delle donne nelle aziende vitivinicole e alcune peculiarità femminili come la sensibilità, la maternità e il contatto diretto con la terra.
L’evento, organizzato dall’Associazione “La terracotta e il vino” e promosso, in collaborazione con il Comune di Impruneta, dalla Fornace Artenova di Leonardo Parisi, ha ospitato oltre 500 visitatori e ha reso visitabile una delle più antiche fornaci imprunetine che continua ad affascinare per bellezza e storia.

 

15056366_678125249017349_6034832063465783379_n

 

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteImpresa Albereta! 2-0 e Belmonte KO
Articolo successivoGrassina: 4 gol per scacciare via la crisi
Nata a Firenze nel 1985, appassionata di politica ed attualità internazionale, amo scrivere per raccontare la storia e le tradizioni del mio territorio. Dopo una prima esperienza come giornalista radiofonica, mi sono laureata in Relazioni Internazionali e ho intrapreso gli studi diplomatici.